Questa giornata carica di colori e dei suoi contrari è anche ricca di stati d’animo inquieti e fecondi.
Proprio ieri venivo a conoscenza di un detto, citazione o proverbio, che mi ha stimolato:
”non si giudica una persona per il luogo da cui proviene, bensì per il luogo in cui sta andando”.

Il mare è la mia casa, la mia radice. Il luogo da cui provengo. Forse davvero Unico Amore Grande. Il mare ti offre e ti toglie, ti accoglie e ti punisce, si fa amare ma spesso non perdona. Il mare non è fatto per l’uomo eppure… Eppure ti attrae e ti risucchia. Sono le lacrime che sommate scuotono i granelli e le conchiglie. Il rumore che delizia con sonorità naturale. Un rumore forte, che però porta il silenzio interiore. il sale della vita nel mare dell’amore. Il regalo non scontato di poter lasciare andare, proprio in quelle lacrime, forse di gioia come di dolore.

Mi sento malinconico e solo, senza apparenti ed evidenti motivi nuovi, e so benissimo che non mi sto amando. Questa canzone da un lato mi scuote e schiaffeggia, per toccare il fondo della stanchezza e della tristezza, immergermi nell’abisso dei miei dolori, che sono proiezione di ciò che sono, sicuramente questa vita oggi l’ho disegnata proprio così, e solo io posso usare il pennello per rendere bello ciò che non lo sembra.

Dalle mie parti si parla piano
Dalle mie parti si mangia sano
Dalle mie parti Dalle mie parti si vola in alto
Dalle mie parti lo sguardo è basso
Dalle mie parti Dalle mie parti si crede in Dio
Dalle mie parti sai chi son io
Dalle mie parti Dalle mie parti si è pane al pane
Dalle mie parti chi se ne fotte
Delle tue parti Dalle mie parti ci sono io
Lo sai chi sono io?
Lo sai che è tutto mio?
Lo sai che quello che calpesti sotto i piedi è il suolo mio?Lo sai che tu da questa parte
Non puoi giocare con la sorte?
Lo sai che ti sei spinto troppo in fondo oltre l’orizzonte?Lo sai che l’orizzonte è mio
Che il mare non è mica tuo?
Lo sai che l’acqua che tu ingoi
Mentre affondi è di mio zio?O forse di qualche antenato
Di un uomo sempre a me legato
Comunque ci son sempre statoE poco importa che tu implori Dio
Sono arrivato prima io
E poco importa che tu implori Dio
Sono arrivato prima ioDalle mie parti si parla poco
Dalle mie parti si vive meno
Dalle mie parti Dalle mie parti a testa alta
Che se la abbassi per loro è fatta
Dalle mie parti Dalle mie parti chi crede in Dio
Deve provare in quale dio
Dalle mie parti Dalle mie parti non si ha più pane
Dalle mie parti c’è solo fine
Se solo parti Dalle mie parti me ne vado io
Lo sai chi ero io?
Un uomo come un altro, io
Lo sai che non avevo voglia
Di lasciare un figlio mio?Lo sai che io da questa parte
Ai piedi non ho più le scarpe
E quello che succede in mare
Quando perdi l’orizzonte?Lo so che l’orizzonte è tuo
Che il mare non è mica mio
Lo so che mentre vado a fondo
Non importa chi è il mio Dio Che tanto non si è ricordato
Di me che sempre l’ho pregato
Comunque ci son sempre stato E in fondo al mare non mi sente il figlio mio
Sono arrivato prima io
E in fondo al mare non mi sente il figlio mio
Sono arrivato prima io Dalle mie parti si dà una mano
Dalle mie parti io resto umano
Dalle mie parti Dalle mie parti si corre in salvo
Di chi ha bisogno di un cuore amico
Dalle mie parti
Dalle mie parti ci siamo solo tu ed io

Categoria

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo sito è:
un luogo completamente mio dove posso esprimermi in “ordine sparso”.
Riflessioni e considerazioni. Punti di vista e condivisioni.
Razionale ed irrazionale, abbinati in maniera libera e rigorosamente disordinata.

Archivio articoli per mese
Commenti recenti
Classifica Articoli e Pagine
Trasformare
Da queste parti
Unico Amore Grande
Siamo soli?
Un prezzo
Sorte o responsabilità
Perdonare Ringraziando.
Infranta simmetria
Il teatro delle marionette
La Mappa del Mondo