Per uno come me
C’è un’altra come te
Che sogna ancora le montagne
Che parla piano ad un gigante
Che abbassa gli occhi e dice
Io rimango in superficie
Che vado a fondo in un istante
Sono di piombo le mie gambe a volte sai
Basterebbe poi dirsi
Che va bene anche così
Senza incontrarsi
L’importante è che tu sappia
Che almeno noi in questa galassia
Siamo due punti, sì lontani
Ma equidistanti
Come due stronzi
Amami, anche se non mi conosci
Ti prego amami, anche se siamo nascosti
Amami senza dovermi cercare
Senza sapere da che parte stare
Resta nel mondo dove tu vuoi invecchiare
Io verrò a prenderti
Per una come te
Lo sai c’è un altro come me
Che pensa solo e sempre al mare
Come la fuga più ideale
Che crede sia speciale
Basta sapere improvvisare
Per non doversi poi aspettare… 

Ringrazio i Negramaro per avermi regalato questa poesia in musica. Musica in poesia. Amore incondizionato. Amore lontano. Amore perso. Amore ritrovato. Amore passato. Amore futuro.

Ma sempre Amore. Unico Amore Grande. Una grande opportunità, quella di potere amare, per un minuto o per sempre. Dipende da me.

Categoria

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo sito è:
un luogo completamente mio dove posso esprimermi in “ordine sparso”.
Riflessioni e considerazioni. Punti di vista e condivisioni.
Razionale ed irrazionale, abbinati in maniera libera e rigorosamente disordinata.

Archivio articoli per mese
Commenti recenti
Classifica Articoli e Pagine
Trasformare
Da queste parti
Unico Amore Grande
Siamo soli?
Un prezzo
Sorte o responsabilità
Perdonare Ringraziando.
Infranta simmetria
Il teatro delle marionette
La Mappa del Mondo