Sento non a caso in questo periodo diverse lamentele. Alcune anche speculari al mio presente ed al mio passato. C’è chi somatizza o risente della “negatività” degli altri. Chi soffre la situazione familiare, o economica, politica, sanitaria.
Si accusa qualcosa che destabilizza. Qualcosa che influenza. Qualcosa, o qualcuno.

Eppure ho potuto evidenziare ed appurare che ogni cosa esterna a noi, è giustamente fuori.
E’ tutto fuori di noi. Quindi non siamo noi. Niente può influenzarci perché è esterno a noi. Non può caratterizzarci, identificarci, influenzarci.
Di conseguenza la nostra identità è la cosa più importante, e va ricercata con fatica, deprogrammandoci da ogni opinione e giudizio. Da tutto quello per cui tendiamo a dire “io sono…”, quando in realtà dovremmo ammettere “io faccio…” o “io mi comporto…”, nel nostro libero arbitrio, ancora esuli e ignoranti delle virtù dell’anima.

Che sarebbero l’umiltà, la purezza d’intenzione e l’amore. Secondo il diario di suor Faustina Kowalska, ispirata in un colloquio con Gesù.
Andare a tradurre senza opinione e giudizio ognuna di queste virtù nella loro corretta forma e significato è compito dell’uomo, che divisa la strada dall’ostacolo scopre la dualità, binaria come questo sistema solare, per poi essere in grado di riunire le due “strade” nell’uno, nel ritorno al padre.

Categoria

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo sito è:
un luogo completamente mio dove posso esprimermi in “ordine sparso”.
Riflessioni e considerazioni. Punti di vista e condivisioni.
Razionale ed irrazionale, abbinati in maniera libera e rigorosamente disordinata.

Archivio articoli per mese
Commenti recenti
Classifica Articoli e Pagine
Stars and Hope
Studiando...
PaintTherapy
Verso il nuovo...
Out
Ester & co.
Parlando di me
Identity
Che sia
A volte