Non mi sono mai considerato disegnatore, pittore o creatore artista, tantomeno in possesso del “dono”, cioè capace di rendere con facilità, rapidamente, involontariamente e senza sforzo, qualcosa di realistico e/o affascinante.
Per me l’esercizio di questa forma d’arte è uno sfogo creativo delle idee, sensazioni, impulsi, che dentro di me possono avere forme e colori, il più delle volte notevolmente migliori di quelle forme e colori che vengono fuori.
Ciò nonostante, spesso rimango colpito dall’originale imprecisione delle errate simmetrie e naturali forme irregolari, dal caos ordinato, e dalle sensazioni senza nome che provo guardando quel che creo, dallo sforzo effettuato per eseguirlo, e da come appartenga a me ogni lavoro come fotografia di una linea temporale aliena a quella che sto vivendo.
Anche in questo caso il risultato è direttamente proporzionale alla follia che ha invaso la mia realtà, di cui faccio parte.
Di cui sono saturo, a volte, e molte meno, sono grato.

Categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo sito è:
un luogo completamente mio dove posso esprimermi in “ordine sparso”.
Riflessioni e considerazioni. Punti di vista e condivisioni.
Razionale ed irrazionale, abbinati in maniera libera e rigorosamente disordinata.

Archivio articoli per mese
Commenti recenti
Classifica Articoli e Pagine
Il teatro delle marionette
Un prezzo