Poca voglia ed altrettanta energia dinamica da bruciare. Ma dentro sono pieno, probabilmente come sempre. E qualcosa deve uscire, a volte senza proferire, ma esprimendo questa voglia di stelle. Già. Le stelle. 160 mila anni luce per percorrere la nostra sola galassia da una parte all’altra. Una sola ho scritto. Perché l’universo ne è infinitamente pieno, svariati miliardi di galassie. E la nostra stella, Horus, o Sole, è un minuscolo granello di sabbia in una spiaggia infinita.

Infiniti Soli e Stelle ci circondano e la nostra esistenza universale ci contiene nella nostra misera ignoranza, prima tra tutte la binarietà, per non parlare del vincolo del tempo nello spazio…
Eppure qui siamo nei guai. E lo siamo tutti. E vorrei poter gridare aiuto ma l’antimateria ne attenuerebbe completamente il suono, probabilmente in maniera perfetta per il dovere di cavarcela da soli.
Siamo in guerra. Guerra di Rivoluzione. Rivoluzione drastica nel nostro allevamento. Siamo come gli animali da allevamento, e fino a poco fa lo ignoravamo, chi più chi meno, per le dimensioni del recinto che ora vediamo molto più ristrette. Eppure qualcuno decide cosa ci è possibile fare, preselezionando le nostre scelte, che oggi sembrerebbero ancora meno. Le nostre vite materiali sembrano utilizzate per la creazione di energia e profitto. Proprio come l’industria del cibo.

Allora mi scarico portando fuori quell’oscurità in cui le stelle ancora ci sono, basta solamente concentrarsi per vederle, guardando in alto anziché ai piedi, riuscendo ad osservare in maniera diversa, libera dalla paura e dalla rabbia, veleni che oggi alimentano il piano di rivoluzione delle nostre vite.
Eravamo allevati anche prima, ma anche il bovino, l’equino ed il suino sono felici e giocano comunque, nel dubbio che solamente noi abbiamo, che comunque sappiano che non sono liberi. Si prendano le specie selvatiche ad esempio, che in Verità sono per noi crudeli, specie per alcune dinamiche legate alla sopravvivenza.
Ma ho detto in Verità, e cioè per esigenza e per Vero istinto, sanno alternare nel percorso dalla vita alla morte, Amore vero, purezza, umiltà.
Non si può parlare di giustizia, se non in relazione alla definizione che se ne dia in società, una società impostata affinché qualcuno determini anche cosa è giusto o meno. E’ giusto difendersi per salvarsi, salvare la propria integrità, individualmente, senza complici, da Soli. Infiniti Soli e Stelle.

Categoria

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo sito è:
un luogo completamente mio dove posso esprimermi in “ordine sparso”.
Riflessioni e considerazioni. Punti di vista e condivisioni.
Razionale ed irrazionale, abbinati in maniera libera e rigorosamente disordinata.

Archivio articoli per mese
Commenti recenti
Classifica Articoli e Pagine
Stars and Hope
Studiando...
PaintTherapy
Verso il nuovo...
Out
Ester & co.
Parlando di me
Identity
Che sia
A volte